35,10,0,50,1
3,600,60,2,2500,2500,25,800
90,150,1,50,12,30,50,1,70,12,1,50,1,1,1,5000
0,1,1,1,2,40,15,5,2,1,0,20,0,0
1
2
3
4
5
6
7

La squadra Senior dei Minotauri, sabato 7 e domenica 8 luglio, ha disputato (con una formazione rimaneggiata per l'indisponibilità di molti giocatori titolari) la fase finale della Coppa Italia a Parma, in concomitanza con l'italian Bowl. La prima partita di sabato si è giocata contro i Refoli di Trieste persa 48 a 32. Nonostante il risultato negativo, la partita ha avuto due tempi ben distinti. Il primo è stato giocato dalla compagine torinese in modo impeccabile chiudendo il primo tempo in vantaggio per 19 a 13. Nel secondo tempo ritorna la fragilità di una squadra giovane (numerosi gli inserimenti di Under 17) e il risultato si ribalta a favore dei Refoli. Nella seconda partita giocata i Minotauri, seguiti in sideline dai coach Frasca e Castagnone, hanno affrontato i 65ers (battuti nel primo Bowl 26 a 13), squadra di esperienza internazionale ulteriormente rinforzata con l'aggiunta di 4 giocatori di alta caratura non presenti nel girone di qualificazione, giocando la al massimo delle loro possibilità ma cedendo con un risultato poco veritiero (63 a 26). Si chiude qui la prima esperienza di casa Minotauri Senior in coppa Italia, ora la concentrazione si sposta sul campionato cercando di portare in campo l'esperienza maturata in questa bella avventura. GO BLU!!

 

Per vedere tutte le foto delle finali di Parma, scattate da Massimo Raviola e Marta Castagnone, cliccate qui per le partite di sabato   e   qui per quelle di domenica  oppure visitate la sezione "MULTIMEDIA" dal menu principale

 

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Per il secondo anno consecutivo le Driadi hanno disputato le finali di coppa Italia che si sono svolte a Parma. La prima partita è quella contro le Pink Elephants di Catania: inizia alla grande la squadra torinese che va subito a segno con Marta Zuliani trasformando anche da 1 il TD. Non si fa aspettare la reazione delle catanesi che dopo qualche drive pareggiano. Si va al riposo sul 7 a 7 e sugli scudi ci sono le difese di entrambe le squadre. Il secondo tempo fa vedere un ottimo attacco orchestrato da Alessia Madaffari, ma sono le Pink Elephants che dopo diversi cambi di possesso riescono a varcare la goal line portando il momentaneo vantaggio a Catania: 13 a 7 e si ricomincia. Dopo aver fatto un intercetto Alessia porta il proprio attacco sulle 10 Yds avversarie e con un lancio su Lara Balzo riporta il risultato in parità: 13 a 13 e pochi minuti da giocare. A dieci secondi dalla fine forse l'unica svista della difesa torinese su una corsa lunga di una avversaria vede sfumare la possibilità di un risultato positivo per le Driadi. Finisce 19 a 13 con qualche rimpianto ma consapevoli di essere una squadra competitiva.
La seconda partita dopo una pausa lunga quasi 2 ore fa ritrovare alle Driadi le amiche/avversarie Ranzide. Dopo alcuni drive in attacco da parte di entrambe le squadre senza segnature con le difese molto attente, una ricezione in end zone delle Triestine le porta in vantaggio. Trasformazione buona e 7 a 0. Da segnalare un intercetto di Lara Balzo ed il pareggio sempre suo che arriva a pochi minuti dal termine del primo tempo; la trasformazione successiva è di Giorgia Giagnotti. Nel secondo tempo le difese di entrambe le squadre tengono gli attacchi lontani dalle end zone. Alessia Madaffari intercetta un altro pallone, ma l'esperienza delle Ranzide si fa sentire e a qualche minuto dalla fine dell'incontro un ottimo drive offensivo le porta a segnare il TD della vittoria. 14 a 7 il risultato finale.
Finisce la prima giornata con un po' di amaro in bocca ma la regola è: vince chi sbaglia meno.
La domenica mattina inizia con l'incontro più difficile : Driadi-Panthers.
Nonostante la bravura delle parmensi il primo tempo termina 13 a 6 per le torinesi. Le segnature sono : TD di Marta Zuliani
Trasformazione di Adele Zuliani e TD di Alessia Madaffari.  È ovvio che le Panthers non ci stanno e al rientro sono incontenibili. 4 TD e 3 trasformazioni fissano il risultato sul 33 a 13. Unica soddisfazione aver tenuto molto bene nel primo tempo la squadra che vincerà la Coppa Italia .
Ultimo incontro la sfida per il terzo posto: rivincita contro Catania.
Primo tempo 13 a 6 per le ragazze siciliane. Il TD per le Driadi viene messo a segno da Anita Raviola.
Secondo tempo combattuto fino alla fine da entrambe le squadre. A segno ancora Marta Zuliani con trasformazione di Anita Raviola e poi ultimo TD fatto da Giorgia Giagnotti.  Anche le ragazze di coach Strano segnano 2 TD e 1 trasformazione e il risultato finale è 26 a 19 per le Pink Elephants.
Alcune considerazioni sono doverose da parte mia. Il quarto posto di questa edizione è molto diverso dal quarto posto dello scorso anno, le Driadi sono cresciute molto sotto tutti gli aspetti e l'ingresso di 4 giocatrici nuove ha portato sicuramente beneficio a tutta la squadra mentre le altre hanno confermato di essere maturate e pronte per ottenere risultati positivi. Avere ricevuto i complimenti da parte di tutte le squadre partecipanti, sia giocatrici che coaches, non può che rendermi orgoglioso e  onorato di essere il vostro coach. Grazie a tutte ragazze. Ora concentriamoci sul campionato.

Coach Massimiliano Delfino

 

Per vedere tutte le foto delle finali di Parma, scattate da Massimo Raviola e Marta Castagnone, cliccate qui per le partite di sabato   e   qui per quelle di domenica  oppure visitate la sezione "MULTIMEDIA" dal menu principale

 

0
0
0
s2sdefault

Domenica a Bologna un bowl vittorioso tra dolori e gioie per le Driadi.

Inizio dirompente contro le Raiders Roma grazie a Marta Zuliani che mette a segno il primo touch down. Una defiance della difesa porta subito dopo al pareggio delle romane, ma Marta Zuliani risponde con 2 touch down consecutivi e una trasformazione grazie agli ottimo lanci lunghi di Alessia Madaffari che si conferma più che efficace anche in difesa con un intercetto. Nel secondo tempo le Driadi entrano forti del vantaggio ottenuto, ed è Alessia Madaffari e la sua famigerata corsa a segnare il 21 a 6. Dopo due intercetti di Adele Zuliani e Alessia Madaffari è Adele Zuliani a segnare il touch down finale, trasformato da Anita Raviola, nuova arrivata ma più che valida giocatrice. La partita si conclude 28 a 6 per le torinesi.

È una partita da cardiopalma quella tra le Tempeste e le Driadi che si contendono la partecipazione alla finale di Coppa Italia. Ancora una volta Marta Zuliani mette a segno il primo touch down e trasforma, ma le Tempeste non si fanno abbattere e rispondono pareggiando. La scena si ripropone ed a seguito di un touch down di Marta Zuliani le Tempeste segnano il pareggio. Il primo tempo, con i nervi a fior di pelle, si blocca sul 14 a 14. Sicuramente l’adrenalina ha giocato un brutto scherzo ad entrambe le squadre portando le giocatrici a esagerare i comportamenti sia dentro sia fuori dal campo: il flag football è uno sport che insegna a lottare con grinta e sana rabbia per superare i propri limiti ma sempre con uno sguardo rispettoso verso l’avversario e con il sorriso sulle labbra. L’intervallo infatti sembra calmare gli animi e, senza neanche doverlo dire, è Marta Zuliani a segnare touch down e trasformazione su ottimi lanci di Alessia Madaffari. Un momento di scoraggiamento e di spossatezza sembra abbattere la difesa torinese che si lascia sfuggire 3 touch down delle Tempeste che superano le Driadi 21 a 27, nonostante un intercetto di Madaffari. Ma è proprio il capitano delle torinesi a raggiungere il 27 a 27 e Marta Zuliani riconferma la sua grinta segnando la trasformazione. La partita si chiude al meglio con un intercetto di Marta Zuliani. Il punteggio finale è di 28 a 27 per le Driadi.

Le Driadi conquistano la certezza delle finali di Parma e sfidano le Ranzide Trieste con la testa tra le nuvole e senza la grinta che le contraddistingue. Il caldo e la stanchezza si fanno sentire fin troppo e la prestazione delle torinesi è scadente tanto da farle perdere 40 a 0 con le triestine, come sempre avversarie temibili e in ottima forma.

Il premio per la migliore in campo va certamente a Giorgia Gianotti, la “piccolina” di Torino che ha dimostrato carattere e capacità da vendere. Una stella nascente che non vediamo l’ora di veder crescere sempre di più.

E' stata una giornata molto intensa che ha consentito alle Driadi di conquistare il 4° posto nella classifica nazionale garantendo così la partecipazione alle finali di Coppa Italia che si svolgeranno il 7 e 8 luglio a Parma e vedranno contrapposte:

Pink Elephants Catania

Panthers Parma

Ranzide Trieste

Driadi Torino

Un grande risultato per la nostra società che piazza entrambe le squadre Senior alle finali della Coppa Italia!

Per vedere tutte le foto dell'incontro scattate da Massimo Raviola cliccate qui o visitate la sezione "MULTIMEDIA" dal menu principale

(Adele Zuliani)

 

0
0
0
s2sdefault

I nostri partners

Seguici su Facebook

I nostri prossimi impegni

Per potervi offrire la migliore esperienza online possibile, questo sito utilizza i cookies, anche di terze parti. Utilizzando il nostro sito acconsentite all'utilizzo dei cookies ad esso associati.